I DRONI LED SONO I NUOVI FUOCHI D’ARTIFICIO O I NUOVI MAXISCHERMI?
IL CIELO DIVENTA UNO SCHERMO PER UNA RIVOLUZIONE NEL MONDO DEGLI SHOW


Sembrano lucciole, forse stelle cadenti, proprio per questo si chiamano “SHOOTING STAR” e sono un prodotto Intel, dei minidroni con led incorporato gestiti da un programma per un movimento comune.
Il sito recita così: “i nostri spettacoli di luce sfruttano le meraviglie della tecnologia dei droni e le trasformano in una forma di intrattenimento interamente nuova. Intel consente ai clienti di illuminare i cieli notturni con spettacoli di luce coreografati costituiti da centinaia di droni Intel, per creare un modo straordinario di fare comunicazione a un pubblico di qualsiasi dimensione.”
Chiaro l’intento di Intel di voler diventare la tecnologia alla base di questa innovazione per chiunque abbia intenti di comunicazione e di creazione di spettacoli.
Una tecnologia anche semplice capace di far volare simultaneamente 500 droni con un solo operatore nel 2016 per ottenere il Guinness World Record.
Una tecnologia che si parla possa arrivare a gestire anche 10000 droni in contemporanea.
Potenzialmente potremmo vedere dei veri e propri schermi nel cielo con una definizione sempre maggiore.

Li abbiamo visti nello spettacolo di Lady Gaga al Superbowl 2017, al Coachella nelle ultime due edizioni ma soprattutto alle recenti Olimpiadi di PyeongChang,
Durante il CES 2018 l’Hotel Bellagio di Las Vegas è diventato il palcoscenico per questo tipo di show come anche Los Angeles per il lancio del film Wonder Woman.
Ogni volta un passo ulteriore per perfezionare la tecnologia verso numeriche superiori, problematiche ambientali o permessi di volo.

Notizia dell’ultima settimana l’arrivo della Cina che batte ogni record facendo volare 1374 droni in contemporanea nei cieli di Xi’An.

Osserviamo e studiamo ogni giorno i possibili sviluppi di questa tecnologia.
Vi immaginate che cineforum all’aperto?
🙂

Marco Zambaldo
#Zamba #Creativestrategist